• 7 Dicembre 2022 8:37

Festa per i 50 anni di Azione nonviolenta: la conferenza stampa

Diadmin

Giu 17, 2014

Sono passati 50 anni da quando Aldo Capitini, volle affiancare all’attività del Movimento Nonviolento – nato qualche anno prima come esito politico principale della prima marcia Perugia-Assisi e già molto attivo – uno strumento di comunicazione, approfondimento e divulgazione.

Dopo essere stata per dieci lustri uno strumento di campagne, di lotte, di documentazione, di studio e formazione, per il suo compleanno Azione nonviolenza vuole essere uno strumento di vera festa con musica, danze, teatro, convivialità, amici, bambini, buon cibo e buon vino…ed anche un momento di riflessione e cultura politica per non dimenticarci che, come amava ripetere Aldo Capitini, “la festa è tenacemente rivoluzionaria”

Mao Valpiana, Pasquale Pugliese del Movimento Nonviolento e Renata Matteucci della Casa per la Pace di Modena
Mao Valpiana, Pasquale Pugliese del Movimento Nonviolento e Renata Matteucci della Casa per la Pace di Modena

La Festa per i 50 anni di Azione nonviolenta si svolgerà a Modena nel Parco XXII Aprile, dal 19 al 22 giugno, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, vedrà la presenza di molti ospiti che verranno a trovarci: da Goffredo Fofi, che fu stretto collaboratore di Aldo Capitini – e inaugurerà la Festa con il direttore Mao Valpiana ed il Sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli – all’antropologa Pat Patfoort, punto di riferimento della nonviolenza europea; dal lancio della “Campagna per il disarmo e la difesa civile non armata e nonviolenta”, al confronto tra le Scuole di Pace dell’Emilia Romagna; dallo yoga al teatro dell’oppresso alla costruzione del mandala di pace; dai concerti, alle danze dal mondo, al recital di Alberto Patrucco e Andrea Mirò. Agli stands di molte associazioni amiche che saranno presenti per tutto il periodo.

AZIONE gradazioni.indd

La Festa di Azione nonviolenta sarà aperta tutti i giorni fin dal pomeriggio, nei focus in libreria, con ospiti nazionali e internazionali che dialogheranno con il pubblico sui temi della difesa, del disarmo e del Servizio civile; della convivenza e dei conflitti; dell’eredità culturale di Aldo Capitini e della memoria e dell’educazione alla nonviolenza. Ogni pomeriggio sarà possibile visitare la libreria, le mostre e gli stands e partecipare ai diversi laboratori per adulti, ragazzi e bambini (ai quali è preferibile iscriversi). Sarà pssibile cenare nel ristorante tradizionale e vegetariano (a prezzi popolari che finanzieranno la Festa) oppure gustare la biopizza e la biobirra. La Festa continuerà a sera, nel palco centrale, con la pizziche salentine dei Krazì (giovedì), il canzoniere della tradizione antimilitarista cantato da Giuliana Bergamaschi e Ilaria Peretti (venerdì), lo spettacolo di danze popolari che coinvolgeranno il pubblico con Balliamo sul Mondo (sabato) e la presentazione del nuovo cd Segni (e) particolari di Patrucco e Miro che cantano il poeta anarchico Brassens (domenica).

Venerdì 20, inoltre, alle 21.30 ci sarà anche una tavola rotonda sul tema Informazione e comunicazione di pace con i direttori delle più importanti riviste del settore (da La nuova ecologia a Nigrizia) e sarà presentato il numero speciale per i 50 anni di Azione nonviolenta.

Vai qui per il programma completo dell’evento.

Vai qui per info ospitalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.