In ricordo di Danilo Zolo

In ricordo di Danilo Zolo

Leggo di una morte: “Il 15 agosto 2018 è scomparso Danilo Zolo, fondatore del Centro Jura Gentium, insostituibile punto di riferimento per i tanti allievi che ha generosamente aiutato nella sua lunga vita di studioso”.

Non posso dire di averlo conosciuto e frequentato. Ho però due vivi ricordi di incontri, a distanza di tempo. Il contatto personale mi ha aiutato a leggere, negli anni, i suoi interventi, sempre densi e rilevanti sul rapporto politica e diritto, pace e guerra, potere centrale ed autoorganizzazione… Per chi voglia approfondire, numerose sono le sue opere, consiglio il sito di Jura Gentium.

Il primo incontro è stato a Firenze, segreteria del sindaco La Pira. Poteva essere il ’64. Già nel ’61, con la proiezione “privata” dello scandaloso e vietato film “Non uccidere” La Pira si era schierato sulla questione dell’obiezione di coscienza. Con Piero Pinna ero da lui per informarlo sull’attività del Gruppo di Azione Nonviolenta, per il riconoscimento dell’obiezione appunto, e per vedere possibili collaborazioni. Il giovane Danilo Zolo era nella sua segreteria e ci intrattenne nell’attesa dell’arrivo del Sindaco, sempre impegnatissimo. Si era in piena competizione spaziale tra Urss e Usa. Navicelle sempre più capienti e per più tempo orbitavano attorno alla terra. C’era dunque un punto d’appoggio fuori dalla terra prodotto dall’uomo. Il detto “Datemi un punto d’appoggio e solleverò il mondo” poteva trovare concreta applicazione da parte di un Archimede male intenzionato. Oltre al rischio nucleare c’era il rischio della dislocazione della terra dalla sua orbita. Un rischio nuovo e inatteso, diceva La Pira secondo Danilo. Giorgio la Pira venne e, con il suo indimenticabile sorriso, ci intrattenne sui pericoli per la pace, ci disse di un prossimo viaggio in Vietnam, ci ascoltò con attenzione. Ci salutò nell’augurio che la Terra non fosse dislocata. Ricordo che guardavo Danilo, che rideva divertito.

Grazie a Orsetta Giolo, di Zolo collaboratrice, ho ritrovato un contatto, attraverso gli scritti su Jura gentium. È venuto anche ad un incontro a Ferrara, nel 2010, nella piccola Scuola della Nonviolenza che, con pochi amici, avevo promosso. Ne trovo, grazie a Estense.com, il ricordo.

Danilo Zolo alla Scuola della Nonviolenza

La conversazione con il filosofo verterà sulla situazione della democrazia in Italia

Questa sera, venerdì 7 maggio, alle ore 21, la Scuola della Nonviolenza organizza l’incontro “Diritti e democrazia: conversazione con Danilo Zolo”. L’appuntamento è alla Galleria del Carbone (Via del Carbone 18/a a Ferrara), e rientra nel programma previsto per l’anno scolastico 2009/10.
La conversazione con Danilo Zolo (nella foto) verterà sulla situazione della democrazia in Italia, con sicuri riferimenti sia ad altri momenti della nostra storia, sia al confronto con altre culture dentro e fuori dai nostri confini nazionali.
Danilo Zolo, filosofo del diritto, è un importante riferimento per quanti si interrogano su temi quali la globalizzazione, la pace, i diritti individuali e collettivi, il dialogo interculturale. Di questo si è occupato negli anni come professore di Filosofia del diritto e di Filosofia del diritto internazionale nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Firenze, visiting professor in prestigiose università straniere, fondatore e presidente dell’associazione di studi giuridici Jura Gentium.
Prima ancora, ha vissuto questi temi come diretto collaboratore del sindaco di Firenze Giorgio La Pira, o accanto a personaggi come padre Balducci, che hanno segnato il tentativo italiano di una politica di pace, e si è sempre impegnato personalmente per disarmare qualunque idea di guerra “giusta”, “umanitaria”, garante dei diritti delle persone.
La Scuola della Nonviolenza è promossa in collaborazione con il Movimento Nonviolento e la Galleria del Carbone.

(immagine tratta da estense.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Anniversari »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Ad un mese dalla Perugia-Assisi »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


L'ora. 4 novembre 2018 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Rinnovare la marcia Sarda della Pace »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »