Microbiografie/2: Un linguista (a Tullio de Mauro, 1932-2017)

Microbiografie/2: Un linguista (a Tullio de Mauro, 1932-2017)

Non ci siamo mai incontrati. Però nel mio studio ci sono quasi tutti i tuoi libri, ed è un po’ come se ti conoscessi.

Il linguaggio è lo strumento che noi esseri umani abbiamo per dare forma al mondo e per rendere le nostre esperienze condivisibili.
Quindi, in ultima analisi, un linguista si occupa di questo: del perché il nostro mondo interiore (le emozioni, i desideri, le decisioni) sia negoziabile con gli altri invece che rimanere sterilmente chiuso nel nostro cuore.

Dato che questa facoltà tutta umana ancora mi entusiasma (e tu mi avresti spiegato che l’etimo di “entusiasmo” è “Enthous per Entheos”, cioè: pieno di Dio), io ti penso continuando a studiare ciò che ci caratterizza come esseri umani: il potere aprire il nostro cuore e comunicarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Cominciare con gli alberi »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


RITORNO AL FUTURO »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Sulle forme di lotta antimilitariste »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Dieci domande scomode da fare a Babbo Natale »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


Diritti, l'unico vaccino per la democrazia »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Sul caso Riace, dei mezzi e dei fini »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »