• 11 Agosto 2022 4:28

Microbiografie / 23 – Svetlana, probabilmente.

DiGiorgio Maghini

Apr 25, 2018

La signora, che guida una di quelle biciclette elettriche con l’apparenza innocente di una “Graziella” e le prestazioni della Desmosedici di Andrea Dovizioso, è decisamente sovrappeso.
Ha anche scelto di usare il marciapiede, invece della strada, causa pavé seriamente impegnativo.

Sullo stesso marciapiede – direzione opposta – sto arrivando io, con l’umore brillante e l’apertura verso il mondo che mi contraddistinguono al lunedì mattina.

Un semplice calcolo mentale mi fa capire che massa e velocità le impediranno sia di tornare in strada sia di rallentare così mi faccio da parte e mi fermo in mezzo alle auto parcheggiate.

Lei arriva alla mia altezza – ha i capelli dorati, il petto straripante e gli occhi blu delle donne dell’Est – e col volto luminoso mi dice ad alta voce: “Ti kiedo skuza!”.

Ci sorridiamo reciprocamente di un sorriso sincero, che mi consolerà per tutta la mattina.

A contar qualcosa sono solo gli incontri.
Il resto, riempitivo.

Giorgio Maghini

Pedagogista e counsellor ad indirizzo sistemico-relazionale. Si occupa attualmente dell’ufficio comunicazione della Istituzione per i servizi educativi del Comune di Ferrara. Obiettore di coscienza, è stato Insegnante di sostegno e, in seguito, coordinatore pedagogico nella scuola dell’infanzia. Attualmente coordina un gruppo di Insegnanti di Religione, coi quali riflette sulla comunicazione della spiritualità nel mondo multiculturale. Ha insegnato "Teorie della comunicazione” all’Istituto di Scienze Religiose di Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.