Microbiografie / 23 – Svetlana, probabilmente.

Microbiografie / 23 – Svetlana, probabilmente.

Microbiografie sempre più micro.

La signora, che guida una di quelle biciclette elettriche con l’apparenza innocente di una “Graziella” e le prestazioni della Desmosedici di Andrea Dovizioso, è decisamente sovrappeso.
Ha anche scelto di usare il marciapiede, invece della strada, causa pavé seriamente impegnativo.

Sullo stesso marciapiede – direzione opposta – sto arrivando io, con l’umore brillante e l’apertura verso il mondo che mi contraddistinguono al lunedì mattina.

Un semplice calcolo mentale mi fa capire che massa e velocità le impediranno sia di tornare in strada sia di rallentare così mi faccio da parte e mi fermo in mezzo alle auto parcheggiate.

Lei arriva alla mia altezza – ha i capelli dorati, il petto straripante e gli occhi blu delle donne dell’Est – e col volto luminoso mi dice ad alta voce: “Ti kiedo skuza!”.

Ci sorridiamo reciprocamente di un sorriso sincero, che mi consolerà per tutta la mattina.

A contar qualcosa sono solo gli incontri.
Il resto, riempitivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Cominciare con gli alberi »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


RITORNO AL FUTURO »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Sulle forme di lotta antimilitariste »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Dieci domande scomode da fare a Babbo Natale »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


Diritti, l'unico vaccino per la democrazia »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Sul caso Riace, dei mezzi e dei fini »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »