• 20 Giugno 2024 18:07

Obiezione alla guerra, perquisita la casa di Yurii Sheliazhenko leader del Movimento Pacifista Ucraino

DiRedazione

Ago 3, 2023

Stamattina il leader del Movimento Pacifista Ucraino Yurii Sheliazhenko ha subito una perquisizione in casa da parte dei servizi speciali ucraini alla ricerca di prove della sua connivenza con l’aggressione russa. Il Movimento Nonviolento condanna fortemente la persecuzione del Movimento Pacifista Ucraina e continuerà a stare al fianco di Yurii con la Campagna di Obiezione alla Guerra. Il Movimento Pacifista Ucraino non ha alcuna ambiguità nel condannare la guerra, l’aggressione della Russia, l’espansione della Nato, e proporre soluzioni di pace, il cessate il fuoco, la via della diplomazia. Il Movimento Pacifista Ucraino, con il Movimento Nonviolento, ha partecipato attivamente al Vertice dei Popoli per la pace in Ucraina.

Sono stato perquisito a causa dell’Agenda di pace per l’Ucraina e il mondo. In questo documento sono accusato di aver presumibilmente giustificato l’aggressione russa. In realtà, questo documento condanna l’aggressione. Yurii Sheliazhenko

Oggi, 08/03/2023, nella prima metà della giornata, degli sconosciuti hanno iniziato a scassinare la porta del mio appartamento all’indirizzo ….. Quando ho chiesto chi fosse, mi hanno detto che si trattava dell’SBU. Si sono rifiutati di presentarsi. Hanno detto di avere un mandato di perquisizione, ma si sono rifiutati di leggerlo. Ho chiamato la polizia nel caso in cui non si trattasse dell’SBU, ma di criminali, così come gli avvocati di O. Veremienko e S. Novytska, nel caso in cui si trattasse davvero di un investigatore, che per qualche motivo illegale non si identifica. Ho anche ricevuto telefonate da numeri a me sconosciuti da parte di persone che si sono presentate come rappresentanti della polizia, ma non hanno fatto il loro nome e hanno detto di aver controllato i documenti e sotto la porta del presunto SBU, ma si sono rifiutati di informarmi dei nomi e dei titoli delle persone presumibilmente dell’SBU e si sono rifiutati di leggere l’ordinanza del tribunale, così ho dubitato che si trattasse davvero della polizia. Ho chiesto, se si trattava davvero dell’SBU, di aspettare 45 minuti per l’arrivo del mio avvocato, ma loro non hanno aspettato, non si sono presentati e non hanno letto la dichiarazione in modo che potessi aprire la porta, e hanno rotto la porta. Successivamente, sono iniziate le azioni investigative (perquisizioni) senza la presenza di un avvocato, e mi hanno portato via con la forza il numero di cellulare Oikutel …. che usavo per registrare le azioni illegali quando hanno fatto irruzione nella mia porta e non si sono presentati.

Dall’investigatore dell’SBU Novak ho ricevuto un documento simile a una copia della sentenza del tribunale distrettuale di Pechersk del 5 luglio 2023, in cui, sulla base di congetture, si sostiene l’accusa della giustificazione dell’aggressione russa (contro la quale mi pronuncio costantemente quando porto avanti la tesi della resistenza nonviolenta all’aggressione, anche se come pacifista critico condanno a gran voce tutte le forze armate, a partire da quelle russe, non ho mai fatto nulla di illegale che possa essere qualificato con competenza ai sensi del relativo articolo del Codice penale ucraino) ed è stato concesso il permesso di perquisirmi, sequestrare documenti, attrezzature, ecc. , che potrebbero contenere prove della commissione dei reati specificati.

Durante la perquisizione non è stato trovato nulla di neanche lontanamente simile a prove di giustificazione dell’aggressione russa o di altre mie azioni criminali. Pertanto, mi oppongo al sequestro di qualsiasi materiale, in quanto nessuno dei materiali e delle attrezzature rinvenute è e non può essere una prova della commissione di crimini da parte mia e inoltre, tenendo conto delle violazioni dei miei diritti durante queste azioni investigative, è stato ottenuto illegalmente e non ha alcun valore probatorio.

Inoltre, dalle parole della persona che ha presentato un certificato simile a quello dell’investigatore dell’SBU Novak O.S., ho appreso che come “giustificazione dell’aggressione russa” l’indagine considera assurdamente l’Agenda pacifica per l’Ucraina e il mondo, approvata dalla decisione della riunione dell’organizzazione pubblica “Movimento ucraino dei pacifisti”, e la lettera di accompagnamento all’Ufficio del Presidente dell’Ucraina, con cui questa dichiarazione è stata inviata. L’investigatore Novak ha anche affermato che esiste un’opinione di esperti secondo cui questa dichiarazione giustificherebbe l’aggressione russa, il che è assurdo, perché la dichiarazione condanna l’aggressione russa, e se tale conclusione esiste davvero, deve essere analfabeta, incoerente con la realtà oggettiva e, forse, fabbricata per motivi di odio ideologico nei confronti del pacifismo, il che è poco professionale per qualsiasi scienziato, e quindi, molto probabilmente, la stesura di tale conclusione può avere segni di falsificazione di documenti, di superamento dei poteri ufficiali, di conclusioni consapevolmente false da parte di un esperto.

In generale, a giudicare dalla decisione del tribunale, che trasmette la posizione dell’inchiesta sulla presunta criminalità delle attività del movimento per i diritti umani e per la pace, ritengo che questo procedimento penale sia illegale, illecito e politicamente motivato, una manifestazione di repressione contro il movimento per la pace. La nostra organizzazione fa parte delle reti internazionali del movimento per la pace, in particolare dell’International Peace Bureau, dell’Internazionale dei Resistenti alla Guerra (WRI) e dell’Ufficio Europeo per l’Obiezione di Coscienza (EBCO-BEOC) i cui rappresentanti sono stati informati della persecuzione del movimento per la pace in Ucraina con un pretesto inventato e calunnioso.