War Resisters’ International

War Resisters’ International

La guerra è un crimine contro l’umanità.
Noi siamo pertanto determinati a non supportare alcuna guerra,
a impegnarci per la rimozione di tutte le cause che portano alla guerra.

Cento anni fa nasce, 23-25 marzo 1921, la War Resisters’ International. Luogo è il villaggio di Bilthoven, provincia di Utrecht, casa di Kees Boeke, quacchero, anarchico, olandese. Si incontrano pacifisti – Regno Unito, Paesi Bassi, Germania, Austria, Francia, USA – per l’opposizione alla guerra, a partire dall’obiezione di coscienza. Dice, più o meno, Victor Hugo che vi sono date da alzare come torce per illuminare il cammino dell’umanità.

Nel 1919, stesso luogo, è fondato il Movement Towards a Christian International, poi denominato International Fellowship of Reconciliation (IFOR) o Movimento Internazionale della Riconciliazione (MIR) in Italia. Nel 1920, siamo sempre lì, nasce, su impulso di Pierre Ceresole, segretario dell’IFOR il Servizio Civile Internazionale (SCI) per campi di lavoro che ricostruiscano quanto la guerra ha distrutto. Sono gli obiettori di coscienza alla guerra che prendono l’iniziativa. La WRI – il Movimento Nonviolento ne è la Sezione italiana – inizialmente detta Paco (Pace in Esperanto) completa dunque la triade.

Da allora i loro cammini si sono spesso intrecciati. Forse è anche l’intreccio a rendere resistenti queste organizzazioni. Come è detto, “un filo a tre capi non si spezzerà facilmente”. Tuttora MIR e Movimento Nonviolento organizzano campi di lavoro comuni. Io ricordo, con piacere quelli dedicati all’obiezione di coscienza, organizzati da WRI e CSI in Svizzera a Hospental, Luglio 1964, a Signa, Agosto 1965, a Montoggio, Agosto 1967. Sono esperienze brevi, molto intense. Nel ricordo il loro tempi si dilatano.

Al centenario di WRI Azione nonviolenta dedica un numero. Ne ripropone l’appello, sempre attuale, Nonviolenti di tutti i Paesi, unitevi! Contro il peggior crimine dell’umanità. Ne ripercorre le vicende. Cent’anni di storia della War Resisters’ International, a partire dalla testimonianza di un fondatore, Appello al popolo italiano nel nome di San Francesco e Mazzini. Sottolinea lo spazio che il tema ha nella riflessione capitiniana: L’organizzazione mondiale nel sogno di Aldo Capitini. Ripropone i rapporti tra WRI e Movimento Nonviolento al suo sorgere, I campi di lavoro-studio e l’obiezione di coscienza e nel suo riproporsi Sempre in viaggio per la pace tra campi di lavoro e di studio. Dà conto di iniziative significative poco note o dimenticate, come La presenza dei Radicali oltre il muro di Berlino o L’operazione Omega e la nonviolenza umanitaria. Consente di approfondirne l’attività dall’interno della WRI con Mezzo secolo di attivismo antimilitarista e nonviolento e Vedere il movimento globale dall’organizzazione dello staff. Infine dice del nostro impegno attuale e del respiro europeo e internazionale che le caratterizza: Le nostre Campagne internazionali contro tutte le guerre e La resistenza nonviolenta, ieri e oggi. Progetto nEUres.

Mi limito a un elenco dei titoli per non togliere il piacere di leggere l’intero numero. Quel poco che ho da dire al riguardo l’ho scritto lì e non lo riprendo. Chi vorrà leggere vedrà come sono passato, con scarsa consapevolezza, accanto a persone notevoli per impegno e attività. Il pensiero va a cari amici con i quali ho condiviso il primo incontro faccia a faccia con Aldo Capitini a Perugia il 22 settembre 1962. C’è stato un incontro pubblico a Palazzo dei Priori introdotto da Capitini e uno, più raccolto e indimenticabile, alla sede del COR, via dei Filosofi. Nell’incontro pubblico è intervenuto il più esperto di noi ferraresi: Gastone Manzoli, poi Lamberto Borghi e Aldo Putelli. Questi era responsabile della sezione di Milano della WRI. Prima di lui lo era Aldo Rescigno, che con Pioli ben ricordato nel fascicolo di Azione nonviolenta avrebbe voluto, già nel ’47, che l’Associazione dei resistenti alla Guerra, promossa da Capitini con molte speranze, si qualificasse come sezione della WRI. Agli incontri dell’Associazione partecipa da Londra, per la WRI, Andrej Jupp.

Con il pensiero all’Internazionale della nonviolenza – ce ne parlava Capitini – torna un ricordo più intimo e vicino. È per gli amici del primo viaggio perugino, preziosi nel Gruppo di Azione Nonviolenta. Li ripenso a Roma il 9 aprile del 1966. Facciamo una piccola marcia per far conoscere alla città la Conferenza triennale della WRI, che si tiene dal 7 al 12. Sono Orio Sarti, Gastone Manzoli, Piero Cavazzini, con i nostri accurati cartelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Appunti su un incendio non tanto lontano »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Albania mon amour /2 »

Consigli di lettura

di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 42 »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »