Filastrocca della televisione N. 1

Sempre più trasmissioni si occupano di “giustizia minorile” attaccando il sistema della tutela dei minori. Noi interveniamo con delle filastrocche.

televisione1

Oggi ho visto il giornalista

inseguire la sua pista.

Raccontava con ardore

la vicenda d’un minore

ch’era stato allontanato

in un battito di ciglia.

Quale toga senza cuore

può far questo a una famiglia?

L’assistente è poi sociale

se a ogni passo fa del male?

Non si stia a sottilizzare

se c’è in corso una pendenza

e se il boia operatore

sta applicando una sentenza

dove un giudice ha deciso

(certo senza una ragione!)

che il bambino può far senza

della mamma e del cognome.

Sì, va beh, la dipendenza…

Sì l’assenza nella notte…

Forse un poco di violenza?

Forse un carico di botte?

Quando il trauma è già successo

l’avvocato c’ha scommesso,

c’ha scommesso il giornalista

(anzi è il primo della lista)

che una mezza verità

tiene vivo il varietà,

che appoggiare i genitori

piacerà agli spettatori,

che indicar cattivi e buoni,

e tra i primi i magistrati,

è uno sport da imbonitori

che ripetono incantati:

viva, viva la famiglia,

viva la televisione!

boia sia chi la scompiglia

per difendere un minore.

(immagine tratta da giuliocavalli.net)

Older Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Problemi che i bambini risolvono »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Sovranopopulisti »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


I quattro volti di Greta »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »