Jan Palach: Ristabiliamo la verità sulla Primavera di Praga

Jan Palach: Ristabiliamo la verità sulla Primavera di Praga

Comunicato stampa: Celebriamo il ricordo di Jan Palach, a 50 anni dal suo sacrificio, con rispetto e osservanza della verità storica. Strumentalizzare i morti è orribile.

Liberissimi i gruppi di estrema destra di fare concerti dedicati a chi vogliono (se devono scomodare il giovane cecoslovacco, evidentemente sanno che i volti del loro pantheon nazi-fascista, come Hitler e Mussolini, non sono presentabili), ma è scandaloso e inaccettabile che il Consiglio Comunale di Verona, come la Provincia, abbia concesso il patrocinio ad una iniziativa provocatrice, di revisionismo storico, definita “oltraggiosa” anche da Senatori della Repubblica Ceca.

Benissimo hanno fatto gli Stimatini a ritirare la disponibilità che il concerto si tenesse nel loro Teatro. Sia chiaro, noi siamo per la libertà di espressione. I gruppi di estrema destra suonino pure la loro musica, se a qualcuno piace, ma non con il patrocinio di Enti pubblici. 

Per riparare a tale maldestra operazione politica, il Movimento Nonviolento organizza una serata di memoria e omaggio alla Primavera di Praga e a Jan Palach che si terrà venerdì 18 gennaio, alle ore 21, alla Casa per la Nonviolenza di via Spagna 8. Vedremo filmati originali d’epoca, ascolteremo la musica del tempo, leggeremo le cronache riportate sulla rivista Azione nonviolenta del 1968, sentiremo le testimonianze di chi era a Praga in quei giorni.

Jan Palach non è un eroe, non è un mito, non è un simbolo.

Non abbiamo bisogno di eroi, di miti, di simboli.

Era uno studente ventenne, socialista libertario e antiautoritario, che ha messo in gioco la propria vita per gli ideali di giustizia e libertà. Il giovane ventunenne era un sostenitore delle riforme socialiste di Alexander Dubček, il leader cecoslovacco del “socialismo dal volto umano”. Jan Palach, per il suo gesto estremo, si ispirò – fu lui stesso a dirlo – ai monaci buddhisti del Vietnam che trasformavano il loro corpo in un tempio ardente d’amore, come una estrema lotta nonviolenta contro la guerra. Niente a che fare con un eroe romantico combattente fascistoide.

Venerdì 18 gennaio 2019, dalle ore 21

Casa per la Nonviolenza

via Spagna, 8 – Verona

Video, musica, letture, testimonianze

Entrata libera fino ad esaurimento posti

Movimento Nonviolento

www.azionenonviolenta.it

www.nonviolenti.org

1969 / 2019 Cinquantesimo anniversario

16 gennaio 1969, Jan Palach si dà fuoco a Praga

19 gennaio 1969, muore dopo tre giorni di agonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Stupidi e cattivi, ma più cattivi »

La mafia non è un cancro...

Vincenzo Sanfilippo di Vincenzo Sanfilippo


Mafia, giustizia, nonviolenza... »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Il fango è una sospensione »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »