• 2 Luglio 2022 17:04

La Sardegna sequestrata dalla Nato

DiCarlo Bellisai

Mag 15, 2022
7 maggio 2018 sardegna

Che la Sardegna fosse considerata dai poteri politico-militari il territorio ideale per la preparazione delle guerre, lo sapevamo da tempo. Tuttavia si resta comunque basiti, davanti all’arroganza ed alla tracotanza con cui il Ministero della Difesa emana un’ordinanza, con decorrenza immediata, che “vieta il transito, la sosta, la navigazione, l’ancoraggio di ogni tipologia di unità navale, comprese quelle da diporto, nonché le immersioni, la balneazione, la pesca ed i mestieri affini” in territori ed aree costiere estranei alle aree delle basi militari, inibendo di fatto l’inizio promettente delle attività turistiche. I territori costieri interessati sono di notevole rilevanza e vanno dall’isola di Sant’Antioco a Chia e a Nora, passando dal Poetto di Cagliari, fino al rinomato litorale di Villasimius e alle scogliere del Sarrabus.

Il motivo è quello di un’esercitazione aereo-navale della NATO su larga scala, che coinvolgerà almeno 65 mezzi navali e sottomarini, con la partecipazione di truppe di almeno sei paesi dell’alleanza atlantica, a quanto si apprende da fonti dirette della Difesa. Come se fossimo davvero già in guerra, si vuole simulare una manovra d’attacco aereonavale alla Russia nel Mar D’Azov? O semplicemente mostrare i muscoli della NATO davanti al “nemico”? Di sicuro c’è uno sperpero a enormi cifre di denaro pubblico, un’interdizione antidemocratica e incostituzionale all’utilizzo del proprio territorio, oltre che una escalation irresponsabile dal punto di vista geopolitico.

In questi giorni al porto di Cagliari sembra di essere al fronte. I moli brulicano di navi militari. Tutto sta prendendo i lividi colori della guerra: non solo l’economia, la propaganda mediatica… anche il paesaggio. Siamo davanti ad un vero e proprio sequestro del territorio sardo, allo scopo di un’esercitazione dai chiari connotati bellici, decisa sopra la testa della popolazione e delle inerti istituzioni regionali.

Potrete capire quanto questa situazione stia diventando insostenibile, sia razionalmente che emotivamente, per quella parte della popolazione sarda che da decenni lotta contro le servitù militari. Il Coordinamento provinciale “Prepariamo la pace” ha indetto per domani, domenica 15 maggio, un sit-in conferenza stampa al porto di Cagliari (molo Ichnusa ore 10). Ma per tutta la prossima settimana ci saranno numerose iniziative, fino allo sciopero del 20 e alla manifestazione del 22 alla base di Capo Teulada. La Sardegna, isola di pace e di natura, non vuole prestare il suo territorio alla guerra.

Carlo Bellisai (Movimento Nonviolento Sardegna)

Carlo Bellisai

Sono nato e vivo in Sardegna. Mi occupo dai primi anni Novanta di nonviolenza, insegno alla scuola primaria, scrivo poesie e racconti per bambini e raccolgo storie d’anziani. Sono fra i promotori delle attività della Casa per la pace di Ghilarza e del Movimento Nonviolento Sardegna.

1 commento su “La Sardegna sequestrata dalla Nato”
  1. Per non parlare dell’inquinamento prodotto dall’uso di armi, uranio impoverito e altro, già i casi di nascite di agnelli a due teste, nella zona di Teulada…mi viene da piangere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.