L’impatto dell’emergenza sanitaria sull’infanzia. La comunità internazionale a confronto

L’impatto dell’emergenza sanitaria sull’infanzia. La comunità internazionale a confronto

In queste settimane sono numerosi i documenti, le raccomandazioni, gli appelli elaborati ad ogni livello per portare l’attenzione su come bambini e adolescenti vivono l’emergenza sanitaria. Ciascuno di essi meriterebbe un’analisi approfondita, ci accontentiamo di una breve e sommaria rassegna.

End Violence Against Children (Basta violenza contro i bambini) è una partnership mondiale unica nel suo genere che include agenzie dell’ONU, governi, industrie, amministrazioni regionali, associazioni e rappresentati della società civile, giovani, avvocati e persone di rilievo, tutti impegnati a rendere il mondo più sicuro per i bambini. Sul suo sito è possibile leggere – in inglese – utili indicazioni su come proteggere i bambini durante l’emergenza ed una lettera indirizzata ai governanti affinché, nelle loro decisioni, tengano conto delle vulnerabilità dell’infanzia e dell’adolescenza. Il testo si può leggere in italiano sul sito del Cismai, il Coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e abuso all’infanzia.

Un terzo della popolazione mondiale è in stato di blocco COVID-19 e le chiusure delle scuole hanno avuto un impatto su oltre 1,5 miliardi di bambini”, scrivono i leader mondiali. “Restrizioni al movimento, perdita di reddito, isolamento, sovraffollamento e alti livelli di stress e ansia stanno aumentando la probabilità che i bambini sperimentino e osservino abusi fisici, psicologici e sessuali a casa – in particolare quei bambini che vivono già in situazioni familiari violente o disfunzionali. E mentre le comunità online sono diventate centrali per mantenere l’apprendimento, il supporto e il gioco di molti bambini, sta anche aumentando la loro esposizione al cyberbullismo, al comportamento rischioso online e allo sfruttamento sessuale. La situazione è aggravata dalla mancanza di accesso dei bambini agli amici della scuola, agli insegnanti, agli assistenti sociali e allo spazio e ai servizi sicuri offerti dalle scuole. I bambini più vulnerabili – compresi rifugiati, migranti e bambini sfollati, privati della libertà, con disabilità, che vivono senza cure parentali, vivono in strada e nei quartieri poveri, o in zone colpite da conflitti – rappresentano una preoccupazione particolare. Per molti, la crescente vulnerabilità economica aumenterà la minaccia del lavoro minorile, del matrimonio e della tratta di minori”.

Segue la richiesta urgente ai governi, ai gestori della rete web e a tutte le organizzazioni politiche e sociali di esprimere uno sforzo condiviso, lo stesso di cui parla anche l’ENOC, il Bureau europeo dei Garanti dell’Infanzia. I diritti dei minorenni nel contesto dell’epidemia di COVID-19 è stato tradotto dall’inglese dall’ufficio della Garante nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza e, riprendendo alcuni temi – l’informazione, la protezione, il sostegno alle famiglie, la riduzione delle diseguaglianze, l’accesso all’istruzione – sottolinea aspetti peculiari tra cui la necessità di sensibilizzare contro le punizioni fisiche, che possono diffondersi in periodi di impoverimento, isolamento e fatica anche per gli adulti. Viene chiesta perciò un’assistenza sia economica sia educativa e psicologica per le famiglie vulnerabili.

Lo stesso Enoc ha firmato una Lettera aperta sulla situazione emergenziale dei minorenni migranti intrappolati nei campi al confine tra Grecia e Turchia e sulle isole greche. “Siamo estremamente allarmati dalla privazione dei diritti fondamentali dei minorenni come riparo, acqua, cibo, accesso all’assistenza sanitaria e all’istruzione”, scrivono i Garanti. “Un numero crescente di bambini e adolescenti sta lottando con gravi problemi di salute mentale aggravati dal deterioramento della situazione. I minorenni sono intrappolati in condizioni di vita insalubri, deplorevoli e in luoghi sovraffollati, tra la pandemia di COVID-19. In queste condizioni e data la mancanza di adeguati servizi igienicosanitari e cure mediche, è estremamente difficile seguire le linee guida e i consigli delle autorità sanitarie”. Ribadiscono che “i minorenni migranti sono innanzitutto persone di minore età. Questi bambini e adolescenti, indipendentemente dallo status di immigrazione delle loro famiglie, hanno diritto alla massima protezione, sicurezza e cura mentre i Paesi europei non rispondono ai loro bisogni fondamentali” e chiedono il ricollocamento in sicurezza di questi ragazzi, coinvolgendoli nel progettare alternative.

Prima ancora dei documenti internazionali si era espressa la Garante nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza, Filomena Albano, con una nota indirizzata al governo italiano nella quale richiedeva una particolare attenzione ai bambini vulnerabili. Venivano messe in rilievo alcune condizioni specifiche: disabilità, povertà economica e educativa e marginalità sociale, la condizione dei bambini con genitori detenuti, o che vivono in famiglie problematiche, o fuori famiglia, o con genitori separati e divorziati in conflitti anche accesi, i minorenni detenuti e, infine, quelli colpiti dall’epidemia, direttamente o nei loro affetti familiari. Per ognuna di queste fasce di piccoli cittadini la Garante ha espresso raccomandazioni specifiche. Sul tema è ritornata pochi giorni con una nota alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nella quale ha chiesto di inserire un esperto di infanzia e adolescenza nel comitato di esperti che sta curando l’avvio della cosiddetta “fase 2”. Sul sito dell’Autorità Garante si può trovare anche una mini guida per la didattica a distanza con l’invito a mandare esperienze e proposte.

Sulle diseguaglianze nella fruizione della scuola in rete si concentra in particolare il Tavolo Saltamuri, di cui anche il Movimento Nonviolento, con la Rete della Pace, fa parte. Nato principalmente per contrastare discriminazioni e razzismo, in questa fase il Tavolo lavora per una scuola inclusiva tenendo conto delle trasformazioni sociali indotte dalla pandemia. Ha elaborato il documento La scuola di tutti nell’emergenza, Saltare i muri del COVID 19 che affronta le diseguaglianze accentuate dalla didattica a distanza e offre possibili soluzioni sia per l’emergenza, sia per la ripresa dell’anno scolastico nel prossimo autunno, quando si raccomandano l’apertura anche pomeridiana delle scuole, percorsi individualizzati o di piccolo gruppo per colmare le lacune accumulate, sostegno educativo ed altro ancora.

Tutti i temi citati, dal supporto alle famiglie alla protezione dei bambini vulnerabili o vittime di violenza, sono presenti nella petizione online coordinata da Agevolando. L’associazione dei care leavers, “Che impatto avrà l’isolamento sui bambini invisibili?”, di cui già si è detto, e che può ancora essere firmata a questo link. L’ampio gruppo di coordinamenti, associazioni, esperti e operatori che l’ha elaborata, e di cui chi scrive fa parte, ha continuato a confrontarsi e ha elaborato un documento condiviso, indirizzato alle forze politiche, con proposte concrete per sostenere le famiglie, favorire la didattica a distanza, continuare a supportare genitori e bambini o ragazzi in difficoltà, continuare a proteggere le vittime di violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


XX Settembre 1870 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Mai più armi nucleari: iniziativa in Sardegna »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Scuola, suola, sola, sol, so, s, sssh »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Sollevare un ginocchio di qualche centimetro »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


DPCM e difesa »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »