Microbiografie / 31 – Gli uomini vuoti

Microbiografie / 31 – Gli uomini vuoti

Quando la realtà – lontano da noi o vicino a noi, non fa differenza – diventa incomprensibile, occorre chiedere aiuto ai poeti.

Lontano da noi: l’ennesimo ragazzo di colore ucciso. Aveva in mano un cellulare che, forse, è stato “scambiato” per un arma.

Lontano da noi (non così tanto): una donna incinta viene fatta scendere a strattoni dal treno. Non ha, o non vuole mostrare, i documenti.

Vicino a noi (tanto): nella nostra città viene affidata una sede a un’associazione che da decenni si impegna perché, attraverso il lavoro, il mondo diventi un luogo più solidale e connesso (creando così – e non è un fatto secondario – opportunità di volontariato e crescita umana per i nostri figli).

L’affidamento di questa sede diventa un’occasione non per “cavalcare” le paure delle persone ma – e non ci sfugga questo peggioramento – per suscitarle.

Che cos’è, mi chiedo, questa incredibile sproporzione tra problemi reali (la violenza armata, le migrazioni incontrollabili, la vita nei quartieri) e gesti tanto violenti quanto inutili?

Vorrei, sinceramente, capire: cosa scatta nella tua testa quando credi poter cambiare la realtà uccidendo un ragazzo, maltrattando una donna nel periodo più delicato della sua vita, mettendo i tuoi concittadini uno contro l’altro?

Domande retoriche.

Tutto questo ha un nome, e si chiama fascismo.

E questo fascismo dilagato (e non più – lo si tenga per certo – “dilagante”) per me è incomprensibile.

Non ci sta nella mia testa.

Mi mancano le parole per dare un nome a quei poliziotti americani e francesi o a quegli uomini della mia città, che pure sono esseri umani, non importa quanto grandi siano le assurdità che commettono.

Esseri umani come me, ma per definirli mi sono rimaste solo le parole di Eliot:

Siamo gli uomini vuoti
Siamo gli uomini impagliati
Le nostre voci secche, quando noi
Insieme mormoriamo
Sono quiete e senza senso
Come vento nell’erba rinsecchita
O come zampe di topo sopra i vetri infranti
Nella nostra arida cantina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Partinico e Trappeto sono vicini »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


RE MIDA (al contrario) »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Del diritto d'insurrezione, e del dovere. »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »