Microbiografie / 36 – Un tabaccaio di Ferrara

Microbiografie / 36 – Un tabaccaio di Ferrara

L’ho scritto un milione di volte, e quindi mi scuso in partenza per la ripetizione: sto – ogni giorno più convinto – con Cesare Zavattini e la sua fiaba “Miracolo a Milano”, in cui il sogno è quello di vivere in un paese in cui “Buongiorno” voglia dire davvero “Buongiorno”.

Sarebbe una vera rivoluzione.
La più gentile delle rivoluzioni, ma sempre una rivoluzione.

Mi fermo – sono di corsa, serve specificarlo? – in tabaccheria perché ho bisogno di un attaccatutto.
Il tabaccaio me lo da e io, per scrupolo, chiedo consiglio: “Devo incollare plastica e legno. Lei pensa che questa colla vada bene?”.

Il tabaccaio prima mi rassicura, poi si ferma e dice: “Spéta, ch’an voi brìsa dir d’ill ssiùchezz”, e va a prendere la scatola con le specifiche tecniche del prodotto. Si infila gli occhiali da lettura e dopo un attimo mi rassicura: “Sì, qui c’è proprio scritto ‘legno su plastica’”.
Mi da la mia colla, pago e corro via non senza averlo salutato con un sorriso.

Non so quando ci sarà la rivoluzione del “Buongiorno” ma, intanto, abbiamo già pronto lo slogan: “Spéta, ch’an voi brìsa dir d’ill ssiùchezz!”.

L’urgenza di questa rivoluzione è confermata dall’attualità, se è vero che – di fronte al freddo tremendo che ha colpito gli Stati Uniti, il presidente Trump ha twittato che “In questo momento, non sarebbe male avere un po’ del buon vecchio riscaldamento globale”.

Anche se qualche anima pia ha già rimosso il tweet dal profilo di Trump, è evidente che chi usa in questo modo le parole in primo luogo non è consapevole del peso enorme che le parole possono avere, in secondo luogo non ha problemi ad offendere sia chi patisce il freddo artico, sia chi patisce gli effetti del riscaldamento globale.

E pensare che basterebbe ascoltare non dico Zavattini, ma almeno un tabaccaio di Ferrara che, quando lavora, non vuole dire sciocchezze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

Elena Buccoliero di Elena Buccoliero


Brindisi per Margherita »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


C’era una volta un socialista così »

Consigli di lettura

Enrico Pompeo di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 14 »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Resurrectio Mortuarum. Le sorelle Mirabal »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »