Per questo anno neonato

Per questo anno neonato

Due bimbi uccisi nei primissimi giorni dell’anno sono materiale per più di un articolo, mentre non dimentichiamo quelli che vengono ritrovati ai confini dell’Europa, di mare o di terra, come sogni spezzati.

Tante volte per queste pagine ho cercato notizie, riassunto questioni, richiamato l’attenzione sulla tutela che non c’è a favore dell’infanzia da parte di chi più dovrebbe amarla, o delle lentezze e ottusità che nonostante i proclami bloccano il passo e calpestano i diritti di chi è più in difficoltà.

Oggi non mi va. Ho visto in questi giorni diversi bambini molto piccoli, con storie familiari completamente differenti, destini diversi ma tutto sommato protetti, e mi è venuto spontaneo pensare che anche questo 2022, questo anno appena iniziato, tutto sommato è un bimbo che teniamo tra le braccia, bisognoso di cure, di coccole, di presenza. Un bimbo che crescerà anche in base al calore con cui gli rimboccheremo le coperte e lo prepareremo per diventare grande.

Il resto – riprendendo un gioco sospeso da tempo – è venuto da sé. Questa filastrocca è per ognuno di noi, per il futuro bambino. È dedicato a questi bimbi a cui sono passata accanto come a quelli che chi legge può accarezzare, e a tutti i bambini e le bambine che nessuno di noi incontrerà.

Se l’anno nuovo fosse un bimbo appena nato

vorremmo si sapesse molto amato.

Staremmo attenti a sfiorargli la fronte

e con fiducia mostrargli l’orizzonte.

Se l’orizzonte fosse ancora oscuro

terremmo il bimbo tra le braccia, al sicuro.

Faremmo a gara a propiziargli il sonno

perché la notte si aprisse al nuovo giorno.

Se il giorno fosse un solo, grande gioco

prolungheremmo la gioia ancora un poco.

Proseguirebbe ancora la danza

di un anno nuovo, colmo di speranza.

Se la speranza fosse stoffa preziosa

gli cuciremmo una veste assai graziosa

calda nel gelo e fresca al solleone

che non si mangi il bimbo in un boccone.

E se il boccone fosse troppo amaro

al bimbo nuovo vorremmo dar riparo

da fame e freddo, violenza e abbandono

perché ogni bimbo è un grande, immenso dono.

Il dono è vero se c’è chi lo riceve

lo riconosce, e sempre vuole e deve

dargli alimento, gioia e sicurezza

in ogni sguardo e piccola carezza.

L’anno è sfregiato se anche un bimbo solo

viene ingiuriato, e se chi avrebbe il ruolo

di averne cura, fermandosi al dovere,

non vuol sentire, non vuole vedere.

Ogni confine, ogni mare in tempesta,

ogni violenza col dolore che resta

preme sul petto al nostro bimbo amato

e rende assurdo, necessario il commiato

da quell’infanzia adorata nel Natale

che qui si tinge di un sarcasmo irreale.

(immagine di Mauro Biani)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Cominciare con gli alberi »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


RITORNO AL FUTURO »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Sulle forme di lotta antimilitariste »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Dieci domande scomode da fare a Babbo Natale »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


Diritti, l'unico vaccino per la democrazia »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Sul caso Riace, dei mezzi e dei fini »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »