Povera terra

Povera terra

Oggi, 29 luglio, l’umanità ha consumato tutte le risorse naturali che la Terra ha messo a disposizione per tutto il 2021.

Nel 2020 questo era avvenuto il 22 agosto. Per tutti i giorni che restano dell’anno saremo in debito con le risorse del pianeta. Consumiamo di più di quel che c’è a disposizione. Intacchiamo il capitale che diminuisce di anno in anno. Distruggiamo in pochi giorni quel che la Terra ha creato in milioni di anni.

L’umanità (o meglio, la parte ricca e “sviluppata” dell’umanità) attualmente utilizza il 74% in più di risorse di quello che gli ecosistemi del pianeta possono rigenerare. In pratica quest’anno consumeremo più di una Terra e mezzo (1,6). Fra le cause principali di questo disastro ecologico c’è l’aumento del 6,6% delle emissioni di Co2 rispetto all’anno scorso (altro che “transizione ecologia”!), così come la diminuzione dello 0,5% della biocapacità forestale mondiale dovuta in gran parte alla deforestazione in atto in Amazzonia.

Stiamo andando a sbattere, ma anziché frenare teniamo il piede sull’acceleratore. La parte sana dell’umanità deve tirare il freno a mano, subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

di Elena Buccoliero


Parola di bambino »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Scuola inizia per esse »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


L'Altro Festival a Fiumicino »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Povera terra »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »