Tempi difficili

Tempi difficili

Sono tempi di apprensione. Guardiamo Roma, pensando alla pandemia, alla crisi di Governo, alle elezioni nella città e forse nel Paese. Guardiamo e non vediamo. Ci si preoccupa di Italia viva ma a Chiesa viva dovremmo prestare attenzione. Nel suo ultimo numero, in esergo “La Verità vi farà liberi”, ci illumina.

Il Santo Papa Pio X, il 29 maggio 1909 ad Assisi, durante un’udienza per il Capitolo Generale dell’Ordine Francescano, ebbe la seguente visione: «Ciò che vedo è terrificante! Sarò io stesso? Sarà il mio successore? Quello che è certo è che il Papa lascerà Roma e che in partenza dal Vaticano egli dovrà camminare sui corpi morti dei suoi preti». Poco prima della sua morte, il Santo Papa Pio X ebbe quest’altra visione: «Io ho visto uno dei miei successori (con lo stesso nome “Giuseppe”) che stava fuggendo sui corpi dei suoi fratelli. Egli si rifugerà in qualche nascondiglio ma, poco tempo dopo, egli morirà di una morte crudele». È molto probabile che questo sia Papa Benedetto XVI, il cui nome di battesimo è Giuseppe (Joseph). Inoltre, vi sono altre profezie, che si riferiscono al tempo in cui a Roma inizierà il periodo di crisi, che menzionano ed evidenziano un Papa dai capelli bianchi, il cui cognome inizia con la lettera “B” e che sarà reso impotente.

Tutto fa pensare che ormai ci siamo. Consola sapere che finirà bene. La Madonna de La Salette sintetizza i “castighi di Roma” in tre parole: Roma pagana scomparirà!

Non solo io, dunque, ho sottovalutato il messaggio, in francese e pure in patois per farsi meglio comprendere dai pastorelli. Nel frattempo qualcosa si può fare. Questi i consigli principali offerti alle persone di buona volontà: Il padre di famiglia, con l’autorità che gli proviene da Dio, radunata la famiglia davanti a una sacra immagine della Madonna, e con particolare solennità, legge la seguente formula dell’Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria. A chi fosse interessato invio la formula. Astenersi pagani e perditempo.

Anche il Sacro Cuor di Gesù può essere utile. Nella rivista ci sono le istruzioni per farsi un vessillo. Eccolo in vista frontale e posteriore.

I colori del Vessillo sono: Verde, Bianco e Rosso che, nel Vessillo, indicano le tre Virtù teologali dell’uomo: Fede, Speranza e Carità, che gli sono indispensabili per conquistare la salvezza eterna. 1. Verde = Fede in Dio. 2. Bianco = Speranza nella nostra Salvezza. 3. Rosso = Carità nei confronti del Prossimo…

C’è molto altro naturalmente in relazione alle immagini di cuore crocefisso e alle loro dimensioni. Tutti i particolari metto a disposizione degli interessati.

Quanto alla carità nei confronti del prossimo non sono inclusi il Papa e Bill Gates. Suggerisce infatti da Praga il 21 ottobre scorso, Elia Patriarca del Patriarcato Cattolico Bizantino, con Metodio e Timoteo OSBM (Ordo Sancti Basilii Magni), Vescovi segretari: I vescovi e i sacerdoti dovrebbero aggiungere coerentemente nella Messa: in unità con il nostro Papa Francesco e Bill Gates chipizzati e ridotti all’inferno. Non sono i soli responsabili, denuncia l’astuto patriarca. Dopo la prima ondata della pandemia artificiale è promessa una seconda ondata in modo infondato. Tra i principali promotori ci sono, oltre a quelli segreti, il cosiddetto Papa Francesco e il Patriarca di Mosca Cirillo. Si nega l’evidenza come indossare le mascherine non è una protezione contro i virus ma porta a una perdita dell’immunità… la vaccinazione è un crimine contro l’umanità!

Noi credevamo che l’enciclica Laudato si’ fosse un invito a prenderci cura della casa comune. “Laudato si’, mi’ Signore”, cantava san Francesco d’Assisi. In questo bel cantico ci ricordava che la nostra casa comune è anche come una sorella, con la quale condividiamo l’esistenza, e come una madre bella che ci accoglie tra le sue braccia: Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba”. Elia, il patriarca, fin qui a me ignoto, ci informa: Bergoglio ha intronizzato in Vaticano il demone Pachamama, che è un segno di totale apostasia da Dio. Dice Bill Gates: Se facciamo un buon lavoro con i vaccini, ridurremo la popolazione del 10-15%.

Confido che di basiliani così non ce ne siano troppi. La Chiesa ortodossa greco-cattolica ucraina (COGCU) ha scomunicato tutti i papi da Pio XII in poi mentre la Chiesa Greco-Cattolica Ucraina (CGCU) è rimasta legata al pontefice. Sono aspetti sui quali non mi soffermo. Vedo comunque che il 24 ottobre – tre giorni dopo il proclama del patriarca Elia – Papa Francesco ha nominato Paulo Dionisio Lachovicz, OSBM, Esarca Apostolico per i cattolici ucraini di rito bizantino, residenti in Italia, Sento, in una sua intervista, accenti ben diversi. I monaci basiliani, poi, fanno parte di una terra che amo, Rossano, con San Nilo, il codice purpureo, l’oratorio di san Marco, l’abbazia del Patirion… Non sarà l’orrido patriarca, piace a Magdi Cristiano Allam – ho detto tutto – a rendermeli odiosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Non abbiamo bisogno »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Vai a trovare un amico e trovi un tesoro! »

Consigli di lettura

di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 42 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Dietro l'emergenza i grandi problemi »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »