• 31 Gennaio 2023 10:51

Ucraina, in carcere l’obiettore Vitaly Alekseienko

DiRedazione

Gen 18, 2023

Per la prima volta dall’invasione russa nel febbraio 2022, l’Ucraina ha incarcerato una persona per aver rifiutato, per motivi di coscienza, la chiamata alle armi. Infatti, il 16 gennaio 2023, la Corte d’Appello di Ivano-Frankivsk ha respinto il ricorso dell’obiettore Vitaly Alekseienko contro la condanna per aver rifiutato la chiamata alle armi per motivi di coscienza. “Ho detto alla corte che sono d’accordo sul fatto che ho infranto la legge dell’Ucraina”, ha detto Alekseienko a Forum 18, “ma non sono colpevole secondo la legge di Dio”. Al verdetto scritto, in arrivo tra poche ore, seguirà il carcere per un anno. Il Movimento Nonviolento, nella cornice della campagna Obiezione alla guerra, sta seguendo molto da vicino il caso: proprio su mandato del MN l’avvocato Nicola Canestrini si era recato alla prevista udienza del 12 dicembre, riuscendo a interloquire con l’imputato e rappresentanti della Corte, riuscendo a incassare anche il supporto  dall’Ordine degli Avvocati ucraini.

Vuoi sostenere la difesa legale di Vitaly e altri obiettori come lui? Sostieni le iniziative di pace in Italia, Russia, Ucraina con la Campagna “Obiezione alla guerra con un versamento all’IBAN IT35 U 07601 11700 0000 18745455, intestato al Movimento Nonviolento, causale “Obiezione alla guerra” o tramite donazione PayPal cliccando qui

Anche per questo le cattive notizie da Ivano-Frankivsk giungono inaspettate. Ecco il commento a caldo di Yurii Sheliazhenko, leader del Movimento Pacifista Ucraino:

Per ora le ragioni sono sconosciute, leggeremo più tardi il testo della decisione quando la corte lo pubblicherà (il testo completo è atteso per il 19 gennaio). È stato annunciato che uno dei tre giudici scriverà un parere separato. La corte ha deciso di ignorare la mia memoria amicus curiae con la motivazione della necessità di assolvere Vitaliy sulla base del fatto che la corte conosce meglio la legge. Uno dei giudici ha chiesto come Vitaliy possa dimostrare che il suo credo religioso è incompatibile con l’uccisione di persone, Vitaliy ha risposto che se la corte non si fida di lui, allora non può farlo. Ha spiegato di nuovo ciò in cui crede, e il giudice ha detto con disprezzo che tutti sono credenti, non importa. A quanto pare, la semplicità e la sincerità di Vitaliy non hanno impressionato la corte. Il giudice ha anche detto con dispiacere che la corte ha ricevuto molte e-mail da persone diverse ma con un solo indirizzo e-mail a sostegno di Vitaliy; le lettere sono state inserite in un volume separato e la corte ha deciso di non prenderle in considerazione, soprattutto perché non si sa chi le abbia inviate e se siano persone reali.

Pronta la reazione delle reti internazionali antimilitariste e nonviolente con una lettera appello a revocare immediatamente la condanna, cui aderisce anche il MN. L’Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza (EBCO-BEOC), War Resisters’ International (WRI), International Fellowship of Reconciliation (IFOR) e Connection e.V. considerano la condanna dell’obiettore di coscienza Vitaly Alekseenko una palese violazione del suo diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione, garantito dall’articolo 18 del Patto internazionale sui diritti civili e politici, inderogabile in tempo di emergenza pubblica, secondo l’articolo 4.2.

Le organizzazioni ricordano inoltre la loro ferma condanna dell’invasione russa dell’Ucraina e chiedono ai soldati di non partecipare alle ostilità e a tutte le reclute di rifiutare il servizio militare. Il governo ucraino dovrebbe salvaguardare il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare, anche in tempo di guerra, rispettando pienamente gli standard europei e internazionali, tra cui gli standard stabiliti dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. L’Ucraina è membro del Consiglio d’Europa e deve continuare a rispettare la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Poiché ora l’Ucraina è candidata ad entrare nell’Unione Europea, dovrà rispettare i diritti umani definiti nel Trattato dell’UE e la giurisprudenza della Corte di giustizia dell’UE, che includono il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare

Leggi qui la versione inglese integrale dell’appello.

Il caso di Alekseienko non è isolato ma è il primo dal febbraio 2022 in cui la corte sta utilizzando “il pugno di ferro”. Sappiamo di almeno quattro precedenti casi penali del 2022, in cui i tribunali hanno concesso agli obiettori di coscienza la sospensione della pena detentiva e la libertà vigilata:
– 18 maggio 2022, Andrii Kucher, Mukachevo, sospensione della pena detentiva di 4 anni;
– 21 giugno 2022, Dmytro Kucherov, Oleksandriia (Regione di Kirovohrad), pena detentiva sospesa di 3 anni;
– 17 agosto 2022, Oleksandr Korobko, Mukachevo, pena sospesa di 3 anni;
– 22 agosto 2022, Maryan Kapats, Mukachevo, pena sospesa di 3 anni.

Ma di molti altri casi analoghi è difficile avere notizia. Yurii Sheliazhenko ci informa preoccupato che i verdetti di tutte e cinque le condanne per obiettori di coscienza non compaiono più nel registro pubblico online dei verdetti giudiziari gestito dall’Amministrazione del Tribunale di Stato di Kiev. “La scomparsa dal registro pubblico del verdetto [del tribunale inferiore di Alekseenko] e di altri verdetti in cui gli obiettori sono stati condannati al carcere con la sostituzione dell’incarcerazione con la libertà vigilata sembra un tentativo di nascondere al pubblico le violazioni dei diritti umani”, ha insistito.

Vitaly Vasilovich Alekseienko nato il 2 dicembre 1976 viveva a Slovyansk, nella regione orientale ucraina di Donetsk, quando la Russia ha iniziato la sua nuova invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022. Nel 2017 è stato registrato presso l’Ufficio ucraino di leva a Slovyansk, ma non gli è stata consegnata una tessera militare. Tuttavia, gli è stato rilasciato un certificato valido fino al 2022 che conferma che non ha prestato servizio militare negli anni ’90 in Uzbekistan, dove allora viveva, per motivi di coscienza.

Alekseienko è fuggito a Ivano-Frankivsk nel maggio 2022. L’Ufficio reclutamento della città lo ha convocato il 2 giugno. Ha detto loro che non poteva prendere le armi a causa delle sue convinzioni religiose di cristiano. “Ho detto loro che ero pronto a prestare un servizio alternativo e ho scritto una dichiarazione in tal senso”, ha detto a Forum 18. Ha anche spiegato di aver rifiutato il servizio di leva e di non essere stato in grado di fare il militare. E di aver già rifiutato il servizio militare in Uzbekistan per motivi di coscienza.

“Mi hanno detto che non c’è alcuna certezza che io sia un credente”, ha detto Alekseienko a Forum 18 il 15 dicembre 2022. “Hanno detto che solo i membri di fedi registrate hanno il diritto di svolgere un servizio alternativo”. Ha detto di credere in Gesù Cristo e nel suo comando di resistere al male senza violenza e di essere operatori di pace, come indicato nel Discorso della montagna. “Ma non vado in nessuna chiesa perché non osservano ciò che Cristo ha detto”.

L’Ufficio reclutamento ha convocato nuovamente Alekseienko il 6 giugno, comunicandogli di aver respinto la sua domanda di servizio alternativo. Quando ha rifiutato di essere mobilitato, i funzionari hanno chiamato la polizia. Alekseienko ha spiegato di non aver paura e di non aver scelto di fuggire o nascondersi dalle autorità. “Non ho paura, nemmeno della prigione”.

Un funzionario dell’Ufficio di reclutamento della città di Ivano-Frankivsk, che ha rifiutato di fornire il proprio nome, ha detto di non conoscere il caso di Alekseienko. “Non siamo competenti a rispondere alle sue domande”, ha detto il funzionario a Forum 18 il 17 gennaio 2023. “In genere offriamo un servizio alternativo ai membri delle comunità religiose”. Il funzionario si è rifiutato di dire quanti uomini hanno potuto optare per il servizio civile alternativo dopo la nuova invasione russa dell’Ucraina del febbraio 2022.

Il Movimento Nonviolento esprime il pieno supporto e solidarietà a Vitaly Alekseienko e a tutti gli obiettori noti e ignoti che stanno aumentando sia in Russia sia in Ucraina. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.