• 2 Luglio 2022 15:37

Giorgio Gatta

Giorgio Gatta ha maturato una lunga esperienza nell’associazionismo e nel volontariato per la promozione della cultura della pace. In questo ambito, ha esercitato professionalmente l’attività di formatore per la gestione e la trasformazione dei conflitti con le tecniche della nonviolenza, giungendo a sviluppare progetti nell’ambito dell’Economia Civile. Dal 2004 al 2009, è stato tra gli organizzatori del “Corso per Mediatori Internazionali di Pace” a Bertinoro, facendo parte del suo comitato scientifico. L’iniziativa è stata realizzata nel 2010 nella sede di Santa Sofia (FC) del Centro Residenziale Universitario. Dalla seconda metà degli anni '80 ha sviluppato una lunga serie di esperienze di studio e di relazioni, fino ai giorni nostri, in ambito interculturale e verso la metà degli anni '90 inizia a intraprendere delle esperienze di dialogo interreligioso sia come dialogo ecumenico con le altre confessioni cristiane che dagli anni 2000 come dialogo cristiano-islamico. Attualmente è presidente dell’Associazione T-ERRE Turismo Responsabile di Faenza www.t-erre.org che nasce all’inizio del 2007, con lo scopo di sviluppare iniziative e progetti promozionali, di viaggio, culturali e formativi nel campo del turismo responsabile.
  • Home
  • Quel che conta è il pensiero

Quel che conta è il pensiero

Non so il perché, ma una sera sono andato al cinema senza rendermi conto veramente di quello che stavo andando a vedere. Ciò che mi ha stuzzicato è che: 1.…

L’Altro Festival a Fiumicino

Maria, la famiglia e i cristiani nonviolenti Sto ricaricando l’auto prima di ripartire per Faenza quando sento Rosellina che si affaccia sul balcone per chiamarmi su in casa per la…

Alle periferie della storia per imparare il Dialogo

Giuseppe Savagnone nel suo articolo “Allargare la cittadinanza fa bene a tutti” focalizza l’attenzione sulle due fazioni contrapposte: i fautori dell’accoglienza e quelli dei “respingimenti”. I primi per invocare un…

Albania mon amour /2

Progetto di cooperazione a Permet in Albania Noi italiani, o occidentali in genere, siamo abituati a lamentarci per qualsiasi cosa. Nulla di grave ma siamo fatti così. Ovviamente questo crea…