I coca–siluri

I coca–siluri

Leggo di un’allerta alligatori in Tennessee, drogati dalla metanfetamina, che dagli scarichi domestici finisce nelle paludi.

. Lì vive l’alligator mississippiensis. Gli alligatori – storpiatura inglese dallo spagnolo al lagarto: il ramarro – sono una famiglia dell’ordine dei coccodrilli. Ce ne sono anche in Cina: pochi, più piccoli, in stagni alla foce del fiume Yang tzu Chiang.

L’alligator sinensis non sembra dare preoccupazioni. Forse, se c’è, l’oppio diluito lo tranquillizza. La polizia del Tennessee invece è preoccupata: “Abbiamo già avuto modo di vedere l’effetto della metanfetamina su anatre e oche nel nostro territorio. Per questo non possiamo immaginare cosa potrebbe fare un alligatore in quello stato”. Intanto hanno cominciato a chiamarli methgators.

Ogni tanto si parla della droga presente nelle acque dei fiumi, e del Po in particolare. In passato l’interesse era tutto antropocentrico. La presenza si diceva non preoccupante per chi quell’acqua, pur depurata, beve. Utile piuttosto per stimare i consumi di droga nel territorio. Il consumo di cocaina, ad esempio, porta alla produzione di benzoilecgonina, particolarmente stabile e quindi facile da rintracciare con apparecchi precisi e sofisticati. Fino al 2015 indagini biennali sulle acque dei fiumi e dei depuratori hanno permesso stime che gli scienziati giudicano attendibili. Ma il progetto Aqua drugs non risulta più finanziato, anche se ha permesso di monitorare un fenomeno che non conosce flessioni.

Adesso l’attenzione sembra spostarsi sui pesci, drogati dalla presenza di sostanze. Le anguille esposte a dosi modeste e diluite di cocaina pari a quelle rilevate nei fiumi ne mostrano accumulo nel cervello, nei muscoli, nella pelle, nel grasso, in tutti i tessuti. Dopo 50 giorni di immersione nell’acqua così preparata gli sperimentatori hanno provato a riabilitarle, collocandole in acqua non contaminata. Gli effetti tuttavia permangono. La cosa preoccupa: è una specie in pericolo di estinzione. E poi già adesso di buone non se ne trovano più tante.

Quanto al comportamento delle anguille drogate se ne è rilevata chiaramente l’iperattività. Ma un’anguilla iperattiva sarà più sfuggente alla cattura, all’uccisione. Non risultano casi di aggressione. Non ancora, almeno. Nel Po però ci sono sempre più pesci siluro, lunghi metri e pesanti quintali. E ce ne saranno sempre di più. Non hanno competitori. Inoltre la femmina depone fino a diecimila uova e il maschio sta sul nido finché non nascono.

Dallo squalo del Po, fatto di cocaina, cosa ci possiamo aspettare? Già ora nutrie e nidiate di uccelli acquatici rientrano nella dieta degli esemplari più grandi. Allerta coca–siluri dunque.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Papà Mario e la sua lotta »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Servitore di due, o più, padroni »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Il re è nudo »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Dalle telecamere a scuola alla telescuola in camera? »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Campagna riconversione RWM: un punto di svolta »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »