Lucia e Antonio: pentimento e perdono in terre di mafia

Lucia e Antonio: pentimento e perdono in terre di mafia

Nello scorso mese di settembre si è svolta  a Montedoro (CL) l’assemblea del movimento Un’Altra Storia fondato da Rita Borsellino. Tema conduttore dell’incontro:  “Sentieri di umanità”. La convinzione maturata da questo piccolo movimento che in vari comuni della Sicilia ha raccolto l’eredità della sorella del giudice Paolo Borsellino è quella che non possa tracciarsi una linea netta di separazione tra la dimensione etica ed esistenziale di ciascuno e  quella della sfera politica. Ecco allora che agli incontri di questa cinquantina di persone  non mancano mai i momenti che impegnano il corpo: respiro, yoga, danza. Inoltre, alle riflessioni sul senso della politica (il Movimento ha attivato da tre anni una Scuola di formazione politica) si accompagnano testimonianze di impegno particolarmente significative sui temi dell’accoglienza, della comunità, delle scelte ecologiche, della partecipazione, del contrasto alle mafie.

Tra le testimonianze di quest’ultimo incontro, particolarmente significativa quella di Lucia Di Mauro, vedova di Gaetano Montanino, guardia giurata uccisa nell’agosto del 2009 da una banda di giovanissimi camorristi che si volevano impossessare della sua pistola. Della banda faceva parte il killer Antonio, un giovane diciasettenne, che, dopo l’arresto, inizia un percorso di reale pentimento. Antonio chiede al Direttore del Carcere di volere incontrare la vedova Montanino. La richiesta arriva a Lucia, che, pur sensibile al futuro dei minori in carcere, dove ha cominciato a fare volontariato, resta interdetta di fronte a questa particolarissima provocazione. Il Direttore del Carcere minorile, che conosce la sincerità del percorso di Antonio, condannato nel frattempo a ventidue anni di carcere, manifesta tutta la sua preoccupazione per il trasferimento in un carcere per adulti, dove il suo destino sarebbe segnato per sempre. La riconciliazione con Lucia faciliterebbe invece un percorso penale alternativo. Lucia, che prima dell’omicidio svolgeva il lavoro di assistente sociale, comprende bene che la giustizia riparativa, questa volta, non è una teoria da leggere su un manuale ma una domanda che arriva al profondo del suo cuore ancora ferito. Si consulta con i familiari che la sconsigliano: incontrare quel giovane sarebbe un oltraggio alla memoria del marito. Poi, nel 2017 l’incontro non programmato, casuale, durante una giornata dedicata da LIBERA alle vittime innocenti di mafia.  Antonio ottiene un permesso per partecipare alla manifestazione. Anche Lucia è lì, ma non sa della sua presenza. Ancora una volta Antonio insiste per incontrarla. Lei acconsente, travolta un po’ dal caso aprendo uno spazio che nel tempo si era creato nel suo intimo. Antonio le si avvicina tremante e in lacrime. Giunto davanti a lei, per l’emozione sviene tra le sue braccia. Lucia lo abbraccia, e da quel momento tutto cambia. «Non ho mai visto tanta sofferenza negli occhi di un giovane», racconta Lucia. Una sofferenza certamente diversa dalla sua, ma forse non meno intensa e drammatica. Inizia così da parte di Lucia una vera e propria adozione di Antonio, della sua compagna e dei loro due figli nati dopo l’assassinio di Gaetano.

Antonio comincia a lavorare, con una Cooperativa,  svolgendo servizi di pulizia presso il centro sociale intitolato proprio al marito di Lucia, Gaetano Montanino.

Oggi purtroppo quel lavoro non c’è più e tutto il percorso rischia di arenarsi.

Lucia, molto amareggiata, si è interrogata su questo e si sta impegnando con le associazioni di cui fa parte, affinchè lo Stato possa riconoscere il valore rieducativo del lavoro fatto da Antonio e di altri analoghi percorsi rivolti a minori catturati e plagiati dai sistemi criminali. In fondo – ci dice – con i soldi che lo Stato impiega per mantenere in carcere una persona, si potrebbero garantire percorsi d’inserimento socio-lavorativo a quei detenuti che prendono le distanze dal proprio passato criminale.

Vedere la famiglia di Antonio, killer di mio marito, crescere in ambienti più sani di quelli di origine mi dà sollievo, dice Lucia. Quando un dolore incontra un altro dolore, può avvenire che l’uno e l’altro si attenuino.

Gandhi sosteneva a tal proposito che la nonviolenza fa bene a chi la fa e a chi la riceve.

L’impegno di Lucia non si limita solo al caso di cui abbiamo parlato. Si è costituito, infatti, un coordinamento di vittime innocenti di mafia di cui Lucia Sorie è una delle più attive animatrici. All’incontro di Montedoro era con lei una giovane ragazza la cui madre è stata uccisa, per caso, quando lei era ancora bambina, da una pallottola che l’ha raggiunta durante una sparatoria.

Raccontare la mia storia – ci ha detto ancora Lucia – non è mai facile, ma so bene che se raccontassi questa storia senza emozione e intensità, servirebbe a ben poco.

È per questo motivo che Lucia, girando tutt’Italia, continua a narrarla, in particolare ai tanti giovani su cui fanno leva le mafie. Il suo impegno è una grande testimonianza di vita e traccia altresì una pista per un’azione sociale nonviolenta aperta anche alle istituzioni ed alla società civile.

Grazie Lucia.

https://drive.google.com/open?id=1abXSBrNniLNLVBGzYpNeNF5aLXBG9fAj

https://www.salto.bz/de/article/20062019/cosi-aiuto-il-killer-di-mio-marito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Un vescovo per la comunità aperta »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Sardegna: insieme per la pace e la nonviolenza »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Lettera aperta a Greta Thunberg »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Papà Mario e la sua lotta »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Dalle telecamere a scuola alla telescuola in camera? »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »