Rom e Sinti

Ce ne sono di stronzi e di bravi, di ladri e di onesti. Come in tutte le etnie, c’è del buono e del marcio. Come in ogni popolo, male e bene si mescolano. Ma c’è un punto sul quale gli “Zingari” sono davanti a tutti: non hanno l’esercito e non hanno mai fatto la guerra. Hanno subìto il “porajmos”, lo sterminio nazista. Basta questo per onorarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Cominciare con gli alberi »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


RITORNO AL FUTURO »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Sulle forme di lotta antimilitariste »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Dieci domande scomode da fare a Babbo Natale »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


Diritti, l'unico vaccino per la democrazia »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Sul caso Riace, dei mezzi e dei fini »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »