Tu vuo’ fa’ ll’americano

Tu vuo’ fa’ ll’americano

Mericano, mericano
Sient’a mme chi t’ ‘o ffa fa’?

Legittima difesa, articolo 52 del Codice Penale: “Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa. Sussiste il rapporto di proporzione se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere: a) la propria o la altrui incolumità; b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione. La disposizione si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale”. “Ho detto tutto”, direbbe Peppino a Totò.

Tutta la seconda parte è stata infatti aggiunta, nel 2006, per estendere quanto possibile, a taluno pareva già troppo, la presunzione di proporzionalità della difesa nei confronti di chi è aggredito o tale si senta. Certo non vieta a polizia e giudici di guardare cosa è successo quando c’è un morto di mezzo, anche se ladro o peggio. Non c’è proprio nulla da aggiungere, se non si vuole andare verso la difesa fai da te, fino al linciaggio. Io amo svisceratamente i western ma non fino al punto di ritenerli l’orizzonte della convivenza. C’è il bell’esempio degli Stati Uniti d’America, sento dire. Forse ne abbiamo da imparare, ma nulla in termini di sicurezza personale.

Se ci armiamo ci sentiamo più sicuri, si dice. Magari è vero. Che lo siamo è però sicuramente falso. Cambiare la norma, ampliarla – è stato sostenuto da molti, in modo irresponsabile, dentro e fuori la maggioranza – è un delittuoso invito ad armarsi, più di quanto già non si faccia. Come noto negli Usa le armi sono, in proporzione al numero degli abitanti, diffuse 10 volte di più che in Italia e i morti per arma da fuoco lo sono 100 volte di più. Non è un caso o una coincidenza statistica. Bella prospettiva di maggior sicurezza si apre! Magra consolazione che le armi siano adoperate più per suicidi che per omicidi.

I nostri politici lo sanno bene, ma dicono che bisogna mettersi in sintonia con il sentire popolare. È il sentire popolare che Hitler fiutò benissimo, e mica male anche Trump più recentemente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

Elena Buccoliero di Elena Buccoliero


Il tappeto afgano »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Lettera dei bambini sull'uso delle parolacce »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Sardegna: insieme per la pace e la nonviolenza »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Lettera aperta a Greta Thunberg »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Papà Mario e la sua lotta »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »