Il padre di tutti i complotti, dal nazismo a Hiroshima e Nagasaki

Il padre di tutti i complotti, dal nazismo a Hiroshima e Nagasaki

Da quando si dice complotto? Parrebbe dal XII secolo, in Francia, complot per indicare riunione di persone. Da un certo momento sarebbero passate dal pettegolezzo al complotto. C’è in inglese plot, che vuol dire disegno, anche trama. Come tale può anche essere opera di uno solo. Per divenire complotto ci vuole però il concorso di più persone. Del padre di tutti i complotti mi informa Chiesa viva. È opera degli angeli ribelli, per colpire la chiesa cattolica non appena istituita. Per fare dispetto a Dio, credo.

Ne ho già accennato la scorsa settimana, Diavolo d’un Mazzini. Riprendo l’argomento. Illumina aspetti controversi della seconda guerra mondiale e ci porta all’attualità.

“Mazzini aveva scritto che la Seconda Guerra mondiale doveva distruggere il nazismo e aumentare il potere del sionismo politico per consentire lo stabilimento, in Palestina, dello Stato Sovrano d’Israele, come miccia per la futura Terza Guerra mondiale” .

Per distruggere il nazismo prima bisogna crearlo. Così sono all’opera i fratelli banchieri ebrei Warburg, Max (Reichsbank), Paul (Federal Reserve Bank) e Felix (Kuhn and Loeb di New York). Per non dire dei Rothschild, degli Schiff, dei Guggenheim, degli ebrei “generali e capi militari dell’esercito nazista”, degli ebrei “gestori del Campo di lavoro e di sterminio di Auschwitz, dove morirono non solo ebrei, ma anche cristiani e altre persone”.

“Col mito dell’Olocausto di milioni di Ebrei, iniziò la campagna mondiale che trovò il suo centro più potente negli Stati Uniti”. C’è stata “l’invasione della Palestina da parte degli Ebrei-Cazari”. Tutto un imbroglio! “Non erano discendenti dei Giudei” di ritorno alla terra promessa, ma “cosiddetti o sedicenti Ebrei”. In realtà “una popolazione barbara della Mongolia Centrale asiatica!”. Una sforbiciata di un rabbino sionista e qualche suo insegnamento, e il gioco – smascherato da Chiesa viva – è fatto. Tutto un imbroglio dunque e ci siamo caduti quasi tutti.

Un altro mistero viene svelato: perché Roosevelt abbia voluto così sfacciatamente favorire Stalin. Già aveva detto “al cardinale Spellman di voler dare l’Europa all’Unione Sovietica, prima del suo incontro con Stalin”. Quando l’incontra non si tiene più. Gli consegna “1.465 libbre di uranio, 417 tonnellate di cadmio, 437 tonnellate di cobalto, 12 tonnellate di torio, 110 libbre di acqua pesante e tutti i progetti della bomba atomica e del reattore per creare plutonio!”.

C’è una spiegazione che però, dopo averla bene soppesata, l’autorevole pubblicazione rifiuta. “Uomo senza carattere, Roosevelt era un incallito omosessuale che voleva avere una relazione personale con Stalin, e non sentiva alcun dovere verso la sicurezza della sua nazione… Era mentalmente fragile ed emotivamente squilibrato”.

Ma “Roosevelt veniva trattato male da Stalin e spesso veniva offeso dalle sue lettere… Stalin era lungi dall’essere simpatico o attraente”. Si potrebbe obiettare che l’amore è insondabile o, come si dice da noi, San’Antoni al s’é inamurà int un busghìn!, nel senso del maiale. La spiegazione fornita è però convincente. Il Presidente americano supera la delusione in nome dell’ideale. “Non era una relazione personale, ma un matrimonio ideologico. E l’ideologia di questo matrimonio era il piano degli Illuminati di Baviera e cioè l’avanzata del fronte del comunismo sovietico a metà dell’Europa per costituire una Internazionale comunista altrettanto forte dell’intera Cristianità. F.D. Roosevelt fu l’artefice di questo piano, mentre Stalin fu solo il beneficiario”.

Non meno sorprendente, almeno per me, è la spiegazione dell’impiego delle armi nucleari. Dall’inizio del 1945 i diplomatici giapponesi sollecitano una mediazione del Papa nei confronti degli stati Uniti per una conclusione della guerra a condizioni accettabili. Non se ne fa nulla. Il perfido Montini ci mette lo zampino. Non fa incontrare il Papa. “Sembrava proprio che la guerra non potesse terminare se non dopo che gli Stati Uniti avessero mostrato al mondo e alla Chiesa cattolica la potenza distruttiva della bomba atomica”. Così si arriva a sganciare le bombe. Si disse che “il bersaglio doveva essere un obiettivo militare e non civile”. Furono invece colpite Hiroshima il 6 e Nagasaki il 9 agosto. Ora sappiamo anche il perché della scelta. “Nagasaki e Hiroshima erano le due città in cui vivevano i cattolici del Giappone; quindi, le prime due bombe atomiche degli Stati Uniti furono sganciate su queste due città, per uccidere la quasi totalità dei cattolici del Giappone! Questo fu un messaggio chiaro a Papa Pio XII”. È stato l’ultimo papa vero, come è noto. Chiesa viva insegna a distinguere i papa veri dagli altri.

 

Tagged with

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


XX Settembre 1870 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Mai più armi nucleari: iniziativa in Sardegna »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Scuola, suola, sola, sol, so, s, sssh »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Sollevare un ginocchio di qualche centimetro »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


DPCM e difesa »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »