Servitore di due, o più, padroni

Servitore di due, o più, padroni

Ricordo di aver visto “Il servitore di due padroni”, almeno mezzo secolo fa, nella splendida regia di Strehler. Lo aveva intitolato “Arlecchino servitore di due padroni”. È l’inizio del teatro moderno, nato dalla commedia dell’arte.

Irresistibile è per me il richiamo a un attuale, tragico e farsesco, “servitore di due padroni”, di Trump e di Putin, in nome del sovranismo. Più che Arlecchino – anche se di toppe multicolori è piena la sua storia: rosse, verdi, blu e finalmente nere – ricorda nell’atteggiamento Capitan Fracassa. Ma la sua natura servile è pienamente riconosciuta proprio nel testo originale e pure il nome gli si addice. Leggo su Wikipedia: “Al centro della commedia troviamo Truffaldino, servo di due padroni, che, per non svelare il suo inganno e per perseguire il suo unico intento, ovvero mangiare a sazietà, intreccia la storia all’inverosimile, creando solo equivoci e guai”.

Non ne vorremmo di aggiuntivi, fino alla guerra. Sembra pensarla così anche Alberto Negri, “L’Iran, gli Usa e il nucleare: Trump vuole la guerra (e Salvini è il suo cameriere)”. E solo il mese scorso “La Lega e i suoi tre padroni. Uno paga gli altri due no? – post Facebook del 12/07/2019 – Salvini è andato in Israele è ha allineato le sue posizioni su quelle dello stato ebraico come mai aveva fatto un ministro della repubblica italiana, mettendo persino a rischio i soldati italiani in Libano con le sue dichiarazioni contro Hezbollah. È andato in Usa è ha allineato le sue posizioni con quelle Usa, soprattutto contro l’Iran e in contrasto con gli interessi delle nostre imprese. È andato in Russia e forse – ma è tutto da accertare – ha ricevuto soldi da Mosca per non fare niente sulle sanzioni”.

Il compito di questo servo è chiaro: disfare quel po’ di Europa – insoddisfacente e insufficiente che abbiamo – per consegnarci, divisi e impotenti, ai suoi padroni. È l’aspetto più preoccupante di questa crisi di governo, capace di contagio oltre i confini nazionali. L’Unione Europea continua intanto a favorire il gioco criminale sulla pelle dei migranti, incapace di ogni iniziativa che si collochi fuori dagli interessi del capitale finanziario. Solo imboccare la strada della federazione europea può salvare dal suicidio “sovranista” – dal peggior servilismo cioè – non solo l’Italia ma pure gli altri Stati nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Il prossimo che vorremmo »

Prima le donne e i bambini

Elena Buccoliero di Elena Buccoliero


I vicini che non vorrei avere »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Papà Mario e la sua lotta »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Il re è nudo »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Dalle telecamere a scuola alla telescuola in camera? »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Campagna riconversione RWM: un punto di svolta »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »