Attenzione alla comunicazione

Attenzione alla comunicazione

I fondatori responsabili delle “sardine” vanno in gita alla Fabrica (Treviso) dei Benetton per un incontro con Oliviero Toscani su “innovazione e comunicazione politica”. Fino a qui niente da dire, tutto normale. Ognuno è libero di incontrarsi con chi vuole.

Se non che la foto-ricordo dell’incontro (che ritrae la sardina Mattia Santori con il fotografo Oliviero Toscani e l’industriale Luciano Benetton) fa il giro del web, postata da qualcuno su una pagina Facebook; il punto è che le sardine non avevano reso pubblico l’incontro e che la notizia non è stata diffusa da loro, ma è sfuggita di mano.

Ovviamente le speculazioni si precano, l’accostamento tra le sardine e l’imprenditore delle autostrade è fin troppo facile; l’equazione tra sardine e poteri forti, con l’ombra sinistra del crollo del Ponte Morandi, è un boccone troppo ghiotto per i nemici delle sardine. E infatti, così accade.

Ci si mette anche Toscani, che non sa tacere, e fa una dichiarazione-battuta pessima sulle 43 vittime del crollo del ponte autostradale. Finisce nel tritacarne. Tanto che persino il prudentissimo Benetton deve pendere le distanze, e senza tanti complimenti liquida il creativo Toscani, interompe il rapporto fiduciario tra l’Azienda e il pubblicitario: licenziato in tronco.

Tra l’incudine e il martello ci finiscono le sardine, che restano lì in mezzo a prendere colpi, come un pugile suonato.

Conclusione: chi con troppa disinvoltura vuole maneggiare l’efficacia della comunicazione, basata prevalentemente sull’uso (sapiente?) dei mezzi, sulla foto o la frase ad effetto, sulla simbologia, sulla capacità mediatica, rischia spesso di rimanere vittima di se stesso.

L’esempio del “vaffa” grillino che come un boomerang è ricaduto sulla loro testa, è clamoroso.

La “comunicazione nonviolenta”, invece, è basata più sul contenuto che sulla forma, è più lenta, meno scintillante, ma va in profondità, con dolcezza.

Fare comunicazione non è facile, è innanzitutto ricerca della verità, con uso delle parole adatte perchè sia compresa, discussa, accettata. La nonviolenza (che è verità) è antica come le montagne, quindi bisogna andarci piano con l’innovazione delle parole (che sono comunicazione). Roba da maneggiare con cura.

Tutta un’altra cosa delle scorciatoie che grillini e sardine pensavano di aver trovato.

Verona, 6 febbraio 2020

  1. Avatar

    Mi viene in mente il tango “Cambalache”

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Mi chiamano emèrito »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Cosa possiamo imparare »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


DPCM e difesa »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Decalogo contro la noia (per bambini... ma non solo) »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Virus non indebolisca le difese immunitarie dello Stato di Diritto. »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Untori »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »