Quanto pesano certe parole?

Quanto pesano certe parole?

Ieri mattina, pedalando in bicicletta per le strade di Ferrara, ho ascoltato involontariamente un breve dialogo fra un ragazzo ed una ragazza.
Lei, appena entrata in auto, ha commentato ad alta voce: “C’è un caldo porco!”
Lui, fuori dall’auto ma vicino al finestrino, le ha suggerito: “Accendi l’aria condizionata, mongoloide!”
La mia attenzione non si è rivolta all’uso di un sostantivo preso dal “vocabolario suino” e trasformato da lei in aggettivo ma all’uso del termine “mongoloide” adoperato da lui in modo arrogante ed offensivo.
In generale, posso anche arrivare ad accettare che, in certi contesti ed in certe condizioni, si usino certi insulti; sicuramente, non mi piace affatto quando si usano le parole con tono offensivo per deridere qualcuno; nello specifico, non riesco assolutamente a tollerare chi usa alcune parole come espressioni di disprezzo, associandole a categorie di persone più deboli e non capaci di difendersi.
parolePensando a quel ragazzo, che non poteva non sapere che l’espressione “mongoloide” è un modo spregiativo per alludere alle persone con sindrome di Down, mi sono chiesto: “Perché i suoi genitori ed i suoi insegnanti non gli hanno insegnato che chi parla male pensa male e vive male?” [1]
Mi scappa da proporre per gioco, al fianco del corpo di polizia municipale, l’istituzione del corpo di “pulizia lessicale” che, nei casi in cui senta qualcuno usare espressioni inappropriate, possa “condannarlo” a “risarcire” la comunità anche insegnandogli come “pulire” e “pesare” le parole.
Ad esempio, quel ragazzo di cui sopra potrebbe svolgere qualche settimana di volontariato in compagnia di ragazzi con sindrome di Down e contemporaneamente impegnarsi per imparare che non esistono parole sbagliate ma esiste un uso sbagliato delle parole.
Ad esempio, potrebbe seguire il progettoParlare civileche intende fornire un aiuto pratico per trattare con linguaggio corretto temi sensibili e a rischio di discriminazione; oppure potrebbe studiare “le parole che fanno solletico, le parole per piangere, le parole per amare”[2]; infine potrebbe imparare a memoria la frase di Alda Merini che dice: “Mi piace chi sceglie con cura le parole da non dire.”
Credo che, in tal modo, potrebbe imparare che esistono parole pesanti e parole leggère, parole che possono ferire e parole che vogliono guarire, parole che ti fanno sprofondare e parole che sanno sollevare, parole che ti danno dei dolori e parole che vanno in mezzo ai fiori.

 

[1] “Chi parla male pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste. Le parole sono importanti” Nanni Moretti nel film “Palombella rossa”, 1989

[2] https://www.filastrocche.it/contenuti/le-parole/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Rifugiati e migranti in Costituzione »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Resurrectio Mortuarum. Le sorelle Mirabal »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Ad un mese dalla Perugia-Assisi »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Rinnovare la marcia Sarda della Pace »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »