Untori

Untori

La vignetta porta il titolo di “Coronavirus”, è stata pubblicata qualche giorno fa dal quotidiano danese Jyllands-Posten.

L’ambasciata cinese in Danimarca ha chiesto formali scuse (non prevenute) perché ritiene che l’opera sia offensiva per il popolo cinese. Il governo danese, centrodestra, si è schierato con il giornale.

Il quotidiano non è nuovo a questo genere satirico, qualche anno fa le vignette colpivano la fede mussulmana, coi rischi che ciò comportava. Sullo sfondo, il tema della libertà d’espressione. Da una parte il principio occidentale della libertà di satira, dall’altra la risposta di culture non inclini al rispetto di tale diritto: il fondamentalismo islamico ieri, oggi la Cina, regime dittatoriale che tramite le sue propaggini diplomatiche pretende che la libera stampa rinneghi (in territorio europeo di certo non può esercitare censura) il suo messaggio e porga le sue scuse al popolo cinese, il primo ad essere colpito dall’epidemia.

Di certo non possiamo accettare questa pretesa e rinviarla al mittente è il minimo. D’altra parte, in virtù del lascito illuminista che giustamente esige il rispetto della libertà di parola, ovvero l’esercizio critico della ragione nella disamina degli eventi, non si può non registrare, nell’atteggiamento del quotidiano danese, una contraddizione a dir poco stridente, foriera di un clima politico di inaudita violenza, un umore putrido che esala dagli strati più retrogradi della cultura del vecchio continente.

Il messaggio di questa vignetta è palese, quanto violento e disumanizzante. Porta in sé i germi del nazismo (è sommario) e quelli della cultura “magico-religiosa” pre illuminista: Cinesi=Untori. L’offesa c’è, eccome. Il messaggio offende le persone che stanno morendo in Cina, offende i valori logico-razionali della civiltà occidentale, e fa tutto questo abusando del diritto più importante che quei valori hanno generato, la libertà di espressione. La censura certo non è la risposta, ma l’indignazione e lo sconcerto per queste forme pseudo-satiriche (la satira colpisce il potere, questa satira lo sostiene), untrici del virus dell’intolleranza e della violenza, devono trovare un luogo di espressione, anche politico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Moena, una bellezza inebriante /2 »

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Se la Nato chiama… »

Consigli di lettura

di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 42 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Dietro l'emergenza i grandi problemi »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »